Cavolini di Bruxelles sott’aceto

Un delizioso contorno arricchito dal profumo dei chiodi di garofano che danno un tocco esotico e raffinato, dal peperoncino che stuzzica l’appetito e il palato e dalle foglie d’alloro che conferiscono un soave profumo.
1 kg di cavolini di Bruxelles
Chiodi di garofano
Peperoncino
Pepe bianco in grani
Foglio di alloro
7,5 dl di aceto di vino bianco
1 limone
Sale
Lavate bene i cavolini, poi fateli cuocere per 10-15 minuti in una pentola d’acqua salata, scolandoli a dente. Sciacquarli in acqua fredda, strizzateli delicatamente e poneteli ad asciugare su un piano inclinato. Intanto portate a bollore l’aceto in un tegame con qualche chiodo di garofano, due foglie di alloro e qualche pezzetto di peperoncino. Mettete i cavolini asciutti in uno o più vasi di vetro, inframmezzandoli con grani di pepe, alloro, chiodi di garofano e pezzetti di peperoncino. Ricoprite i cavolini con l’aceto bollente filtrato, tenendoli schiacciati con una retina di plastica. Infine chiudete ermeticamente i vasi e poneteli in un luogo asciutto, buio e ventilato. Conservateli non oltre 6 mesi.