Cosa mangiare in Egitto:piatti tipici locali

I piatti tipici dell’Egitto risentono dell’influenza di molte culture e sono spesso associati anche ad altri paesi come il Libano, la Turchia e la Persia.
Nelle strutture turistiche potete trovare anche la cucina Europea, ma penso che non si conosce bene un paese se non assapora e si gusta quello che la cucina tradizionale offre.

Tra le pietanze più economiche si trova il Fuul, un piatto tipico preparato con le fave condite con olio d’oliva, gocce di limone, sale, pepe, cumino e insaporite con uova sodo sminuzzato una ricetta molto antica diffusa già ai tempi degli antichi faraoni.
Le fave sono molto utilizzate anche per fare una deliziosa salsa da spalmare sui panini oppure tritate per fare delle polpettine, le felafel, fritte nell’olio e con l’aggiunta di deliziose specie.

Le felafel sono degustate normalmente come spuntino, vengono spezzettate e inserite in appetitosi panini assieme asottoaceti e insalata.

Anche le verdure sono una componente essenziale della cucina egiziana, sopratutto le melanzane e i peperoni, serviti caldi oppure freddi.
Tra le specialità locali spicca il warak enab con foglie di vite, carne, spezie, pomodori, cipolle, menta e cinnamomo.
Numerosi sono anche i fagioli secchi, le lenticchie e i ceci utilizzati per preparare creme, salse e sopratutto zuppe dall’aroma molto delicato e originale.

La carne più utilizzata è quella di agnello assieme al pollo e al piccione. Il manzo non è molto diffuso dato l’alto costo.
Uno dei piatti conosciuti anche il Europa è il kebab, una mescolanza di carne grigiata, cotta o macinata, di origine turca.
Il kebab normalmente viene cotto con uno spiedo verticale facendolo girare su un girarrosto e insaporito con origano, menta, peperoncino, cannella, cumino e coriandolo.

Queste sono solo alcune delle pietanze che potete assaporare in Egitto:uno splendido paese dove cultura, natura, gastronomia e folklore si fondono per creare un mix di divertimento e relax. Per un viaggio indimenticabile potete visitare le crociere estate 2011 oppure prenotare delle vacanze agosto 2011.

Non ve ne pentirete. La visione delle meraviglie di questa terra è folgorante e resta nel cuore e nell’anima di chi lo visita.