critico gastronomico
Come diventare un critico gastronomico

critico gastronomico

Se vi piace gustare una grande varietà di cibi e vini, e avete la passione di scrivere, il critico gastronomico potrebbe essere la carriera perfetta per voi. Potete cercare nelle offerte di lavoro a Roma, ma anche Torino o Napoli, a seconda della vostra città o del posto dove vi piacerebbe vivere, ma questo lavoro potrebbe anche portarvi a viaggiare da altre parti. L’introduzione di nuovi ristoranti e di nuovi piatti al pubblico, è un lavoro impegnativo e competitivo, che come ricompensa vi lascia sicuramente esperienze interessanti e, alle volte, avventure particolari.

Un critico gastronomico o di ristoranti è uno scrittore specializzato nel settore alimentare e delle bevande, la sua presenza sarà richiesta che per il lancio di un nuovo ristorante, o in alcune serate a tema oppure in fiere. La loro recensione verrà poi pubblicata online o in guide specifiche o ancora su giornali. Si tratta di un lavoro di scrittura specializzata, per cui viene richiesta una conoscenza adeguata dell’industria in senso ampio, che riguarda anche la presentazione dei cibi, l’esperienza e la qualità del servizio, nonché il giudizio sugli alimenti.

Riassumendo, si tratta di una posizione che vi darà diverse responsabilità: fornire ina valutazione chiara e coerente della qualità del cibo e dei servi offerti dal ristornate, gestire il proprio tempo in modo efficace per poter affrontare il carico di lavoro, rispettare le scadenze editoriali, a seconda delle dimensioni della pubblicazione, alcuni critici sono inoltre invitati a fornire delle fotografie, intervistare i leader del settore e nello specifico i gestori dei ristoranti, il tutto per ottenere un articolo scritto in modo chiaro ed imparziale.

Per iniziare questa attività tutti si rivolgono a riviste alimentari o programmi televisivi specializzati, ma in realtà questo tipo di pubblicazione ha uno spazio più grande nel mercato della stampa. Nello sfogliare le riviste di moda e “life style”, ma anche i giornali, per rendersi conto che hanno una sezione dedicata ai cibi e bevande, rendendo il mercato davvero ampio.

Foto crediti:http://www.freedigitalphotos.net/