caffè
Come preparare un buon caffè

caffè

Quando pensate al caffè cosa vi viene in mente? ll sole, il calore e i ruggenti leoni del Kenya con le sue sconfinate piantagioni o il deserto, i cammelli dello Yemen o le spiagge bianchissime del Brasile?
Il caffè, squisita bevanda diffusa in tutto il mondo ottenuta macinando i semi degli alberi tropicali appartenenti al genere Coffea, vanta numerose varietà, anche se le più diffuse sono l’arabica e la robusta.

I semi vengono tostati e macinati per creare miscele dal gusto inconfondibile, robusto, amabile o delicato a seconda del mix di varietà utilizzato e arrivano poi sulle nostre tavole, nella tazzina che beviamo al bar.
A seconda delle tradizioni locali il caffè viene bevuto freddo, caldo, con la schiuma del latte, espresso, corto, ristretto, all’americana o con l’aggiunta di liquore, erbe aromatiche e spezie.

Numerose sono le ricette, i dessert, i piatti tradizionali e il modo di servirlo agli ospiti.
E’ possibile ad esempio berlo con un pizzico di cannella, con della scorza d’arancia, della panna e del Cognac oppure servirlo alla Parigina aggiungendo del cacao e del cognac e servendolo con panna e zucchero, alla Danese con Acquavite e panna montata, alla Russa con Vodka e panna liquida.

Ogni paese o regione ha le sue specialità e un modo differente per servirlo.

Per prepararlo non basta avere una buona miscela, ma anche la macchinetta o la caffettiera deve essere perfettamente funzionante, se macinato al momento deve esserci la giusta umidità e temperatura per renderlo cremoso e gustoso.
Se non avete tempo per preparalo con la caffettiera potete usare delle cialde, sarà ugualmente buono e gustoso, dall’aroma inconfondibile!

Foto crediti:http://www.freedigitalphotos.net/