Prodotti enogastronomici:il pecorino di Farindola

Un’antica ricetta tramandata fin dai tempi degli antichi romani conferisce un sapore particolare ad un pecorino prodotto in quantità limitata nel paese di Farindola e nei paesi vicini in Abruzzo, nella zona del Gran Sasso.
Il pecorino di Farindola una specialità locale molto apprezzata si distingue per il metodo di produzione, infatti è fatto con latte crudo di pecora e caglio suino, una particolarità che lo rende unico nel suo genere.
La crosta è rugosa, giallo o bruna, la stagionatura rende la pasta dura ma facilmente sfaldabile, il gusto è piccante.
Assaggiare questo formaggio è come immergersi nei boschi selvaggi dell’Abruzzo incontaminato, il suo profumo e l’aroma ricorda il sottobosco e i pascoli di alta montagna dove vivono le pecore allo stato brado.
Un’antica tradizione che rivive nelle ricette delle donne d’Abruzzo.
Normalmente si serve con pane casereccio o fave per apprezzare maggiormente il suo gusto.
La cucina di Farindola è ricca di piatti e ricette tradizionali dal sapore rustico e particolare come la pecora alla callara, insaporita con erbe aromatiche, la pizza dolce, il timballo con carne, piselli, funghi e pecorino e i calgionetti, dolci tipici del periodo natalizio, delle vere squisitezze per chi sa apprezzare la bontà dei cibi genuini e tradizionali.
Un salto in Abruzzo magari per fare delle belle passeggiate nel Parco naturale del Gran Sasso, ammirare le montagne, i boschi, gli animali di questo straordinario territorio ancora legato a tradizioni millenarie forze aiuterebbe a ritrovare gli antichi valori e le radici della civiltà contadina con la serenità che tanto manca nelle città moderne piene di stress e inquinamento, lontano dalla natura e dai veri sapori della vita.