Bella donna vestita da Babbo Natale
Ristoranti a Roma per il Natale 2011

Bella donna vestita da Babbo Natale

Chi non conosce Roma e ci arriva per la prima volta, già dai primi passi fuori dalla stazione Termini si rende conto che c’è qualcosa di speciale in questa città, un mix quasi magico tra antico e moderno.
La calca della folla, il numero incredibile di macchine, e il traffico caotico si mescolano ai profumi e a un‘atmosfera tipica romana; un mezzo sicuro e piacevole per conoscere il cuore di Roma è quello di scovare i ristoranti migliori dove mangiare e le pietanze tipiche di questo luogo. In occasione poi delle feste imminenti si presenta l’occasione di gustare i lmenù natalizio dei locali romani e la ricetta natalizia per eccellenza che ogni ristorante propone.

Tra i tanti locali tipici che Roma offre, vi è l‘Osteria Romana situata nel centro storico vicino a Piazza Farnese, il locale offre tutti i piatti tipici della cucina romana e molte ricette a base di pesce freschissimo oltre che un menù natalizio tipicamente romano. I piatti proposti per il cenone della vigilia sono tutti romaneschi e anche l’ambiente che accoglie l’avventore è tipicamente romano nelle atmosfere e negli arredi. Questo ristorante esiste dal 1892 e come molti altri locali romani fa parte della storia contemporanea della città. Per la vigilia di Natale l’Osteria Romana propone molto pesce, infatti il menù si apre con antipasti di pesce crudo: pesce spada, salmone e ostriche, accompagnato da un aperitivo, la cena prosegue con un primo a base di tagliolini, gamberetti e zucchine e una gustosa insalata di polpo, poi del pesce imperiale, dolci tipici natalizi e caffè, i vini sono a parte ma tutto il menù costa all’incirca 60 euro a persona. Per il 25 Dicembre invece sono previsti fritti misti di pesce e verdure, baccalà, tortellini in brodo, polpette panate, petto di vitella, carciofi e piselli, e poi torte natalizie rigorosamente fatte dalla casa. Oltre alla qualità e alla convenienza, cenare all’Osteria Romana significa immergersi nell’anima romana della città, in tutta la sua semplice immediatezza.

Un altro antico e rinomato locale è l’Hostaria la Botticella situato nel cuore di Trasteverea vicolo del Leopardo nei pressi di Santa Maria di Trastevere, dove gustare la vera cucina romana con i suoi rigatoni alla paiata, la coda alla vaccinara, la trippa e la minestra di broccoli e Arzilla, ed anche la cucina ebraica come i carciofi alla giudia ed il tortino d’alici con indivia, reminescenze culinarie dell’antica Roma e della sua mescolanza etnica e religiosa. Un ritorno alla “vecchia Roma” quella un pò retrò degli anni ’50, quella di Fellini, quella delle attrici di Hollywood che sbarcavano a Roma e si innamoravano delle fettucine. Anche questo locale offre un ottimo menù natalizio a base di pesce fresco, è infatti tradizione al sud di consumare per le feste molto pesce a differenza delle città italiane a nord che usano basare il cenone su piatti di carne e verdure. Il locale tipicamente trasteverino rispecchia appieno l’immagine del famoso quartiere dove è situato. “Cuore” nel cuore pulsante di Roma e intriso di tradizione. Le ricette tradizionali natalizie romane, quelle ricorrenti per intenderci che non possono assolutamente mancare la sera di Natale sono certamente le stesse della cucina tipica che vengono servite nella veste natalizia a base di: carciofi, cavoli con la pastella, zucchine ripiene, fritti, lasagne verdi con salciccia, tortellini in brodo, abbacchio al forno, coratella, supplì di natale. E poi i dolci di Natale: il “Pangiallo” antico e fragrante dolce con uvetta e scorza d’arancia a forma di pagnotta o i “Bocconotti di ricotta” squisiti da farne una scorpacciata.

Un altro ristorante tipico dei castelli romani dove si può ancora gustare la cucina tradizionale di Romaè il“Panza mia fatte capanna”, nel menù sono presenti oltre 30 tipi di primi con pasta fresca, prodotti tipici, salumi, formaggi, porchetta; e la simpatica opzione che ogni 10 persone una non paga. Situato a Piazza Trilussa in Trastevere il locale è noto per la sua atmosfera familiare e i piatti gustosi e abbondanti, amatriciana, penne all’arrabbiata, maccheroni cacio e pepe, carbonara, la fanno da padroni, annaffiati dai vini dei castelli per far rimanere “tutto in famiglia”. Per il Natale questo ristorante serve un menù ricco dove è possibile scegliere tutte  le specialità romane, senza limitazioni; e ordinarle per un menù personalizzato, prenotando cosi un cenone per un massimo di 40 posti e passare un Natale all’insegna della cucina tipica casalinga romana in chiave  elegante.
Roma è una città dalle mille possibilità e ricca di locali dove le specialità vengono cucinate ancora attenendosi alle vecchie ricette delle nonne, la qualità dei prodotti tipici è garantita dalla zona ricca di allevamenti e produzione agricola e dall’amore per la tradizione di una cucina in apparenza rustica ma dal sottile piacere dei sapori custoditi gelosamente e tramandati di padre in figlio. Una città che in occasione del Natale si veste maggiormente di un’atmosfera “tutta romana” da vivere e gustare nei suoi ristoranti e nelle sue trattorie cosi calde e cosi “vere”.